post-partum-depression-astrodose
Astrodose

Astrodose

Come trattare la depressione post partum con il microdosaggio

Si dice che la maternità dovrebbe venire "naturalmente". Immaginate il nuovo genitore, che guarda il suo bambino in braccio. Prendendo facilmente la loro nuova vita come care-giver come un'anatra sull'acqua. Per la maggior parte delle persone, questo è il caso che, naturalmente, è magico. Tuttavia, per altri è solo non così facile. Nonostante esista da quando esiste l'umanità stessa, la depressione post-partum (PPD) è stato effettivamente riconosciuto come una condizione seria solo di recente.

La depressione post-partum è una forma di depressione che di solito si verifica tra 1 settimana e qualche mese dopo il parto. È caratterizzata da estrema tristezza, ansia, stanchezza, insonnia. In alcuni casi può causare pensieri suicidi - prendersi cura del bambino spesso diventa quasi impossibile. 

Una malattia da curare

 Già nel 460 a.C. Ippocrate descrive le donne che soffrono "agitazione, delirio e attacchi di mania" dopo la nascita; avanti veloce un paio di migliaia di anni e Brooke Shield's stava condividendo la sua storia di depressione post-partum nella sua autobiografia del 2005 'Down Came The Rain. Nonostante questo enorme salto nel tempo, sembrava che l'idea fosse ancora estranea come all'epoca di Ippocrate. Era ancora qualcosa di cui le donne trovavano estremamente difficile parlare e che a malapena riconoscevano pubblicamente.

 Il concetto di "femminilità" è strettamente legato al concetto di "maternità". Viviamo in un mondo in cui le donne hanno ottenuto l'indipendenza solo nella storia recente. E, in un passato non troppo lontano, se una donna non poteva fare il suo "dovere (cioè essere una madre) è stata svergognata, evitata o vilipesa. Per fortuna, il mondo sta cambiando, e il concetto di 'femminilità' si è rivelato essere in molti modi solo quello - un concetto. La depressione, compresa quella post-partum, è una malattia da trattare come qualsiasi altra. Tuttavia, molte donne soffrono ancora in silenzio e con vergogna, incolpandosi di non essere in grado di legare con i loro bambini. Oppure, perdono la volontà di prendersi cura di loro se il peso della loro depressione diventa troppo pesante. 

I trattamenti tradizionali non sono un'opzione

Per molte madri che soffrono di PPDGli antidepressivi tradizionali come gli SSRI non sono un'opzione. È comune che i sintomi della depressione possano peggiorare durante le prime settimane di prova di un nuovo farmaco, qualcosa che non possono rischiare quando si prendono cura di un bambino. Potrebbero anche non voler sperimentare l'attenuazione delle emozioni positive. Immagina se non potessi godere del sorriso del tuo bambino!

Inoltre, può essere che essi sono parte della popolazione notevole per i quali SSRIs purtroppo solo non lavoro. Qualunque sia la ragione, c'è ancora una mancanza di trattamento appropriato per questa condizione che colpisce 15% di donne dopo il parto. E non si tratta solo di donne - colpisce anche circa 10% di uomini

C'è da meravigliarsi che i genitori prendano in mano la situazione?

Attraverso il grande livellatore, il forum di internet, le madri hanno condiviso le loro storie di microdosaggio di tartufi magici per alleviare i sintomi della loro depressione post-partum. E quelli che sono iniziati come consigli anonimi su Reddit sono diventati articoli a pieno titolo su Goodhousekeeping.com! Il cambiamento sta arrivando rapidamente infatti.

Bene, avremmo, naturalmente. Le proprietà curative della psilocibina (il principio attivo dei tartufi magici) sono stati a lungo conosciuti da una parte "underground" della popolazione. Fortunatamente però, il resto del mondo si sta mettendo al passo. La psilocibina viene considerata come una medicina seria per tutto, da depressione, a PTSD a OCD così come per il benessere generale, la motivazione e la creatività. 

Un viaggio dalla disperazione al benessere

In un recente articolo di Goodhousekeeping.com articoloMelissa Lavasani, che soffre di estrema depressione post-partum, ha condiviso il suo viaggio dalla disperazione al benessere, tutto con l'aiuto di funghi magici. 

La prima gravidanza di Melissa era stata senza problemi. La sua seconda, invece, è stata tormentata dal dolore e dalla depressione antepartum (depressione durante la gravidanza). Dopo la nascita di suo figlio, le sue condizioni peggiorarono;

"Alla fine del 2017, ho sviluppato una grave depressione post-partum. Non era solo profonda tristezza, era terrore. Avevo un costante chiacchiericcio di discorsi negativi su me stessa. Una voce nella mia testa che mi ricorda che terribile moglie e madre sono stata".

Un nucleo di speranza si è però presentato. Durante un viaggio in macchina Melissa e suo marito hanno ascoltato un podcast. L'ospite era nientemeno che il micologo Paul Stamets. Nel podcast ha esaltato le virtù della psilocibina come trattamento per la depressione. Lei non ne aveva mai sentito parlare prima, ma era anche al limite e disposta a provare qualsiasi cosa. Ha fatto un'immersione nella ricerca e presto ha visto che la psilocibina veniva studiata legittimamente ovunque, dalla John Hopkins University a Berkeley. Ma, sfortunatamente, non si è qualificata per nessuno degli studi di ricerca in corso. 

Melissa inizia a microdosare

Nel 2018, quando le sue condizioni sono peggiorate, Melissa ha iniziato a fare microdosi. Tre giorni dopo il suo primo tentativo ha cominciato a notare una differenza. Dopo la dissociazione della sua depressione ha cominciato a sentire che esisteva di nuovo nel suo corpo. Si sentiva presente. Descrive la sensazione di un microdosaggio di psilocibina:

 "Paragono la sensazione a quella di dormire otto ore, fare un buon allenamento e bere la quantità perfetta di caffè. Mi sono sentita sveglia e pronta per la mia giornata".

Quando la sua depressione cominciò a sparire, la vita cominciò ad essere di nuovo piacevole. Poteva sentire meglio gli odori e i sapori, poteva persino affrontare di nuovo la terapia. Il microdosaggio tre volte alla settimana la stava riportando alla persona che era stata prima. 

Molte altre storie come quella di Melissa

Il racconto di Melissa è uno dei tanti che sta mettendo la psilocibina sotto i riflettori come trattamento per la depressione post-partum. Vice ha recentemente coperto la storia della madre Julie Ugleholdt, che è stata spinta sull'orlo del suicidio dalla sua depressione post-partum. Nel suo libro Progetto Baby - Il mio primo anno come madre meno che perfetta, Ugleholdt descrive una situazione simile a quella di Melissa - la psilocibina come ultima risorsa. Ugleholdt afferma;

"Spero che possa diventare un'opzione presa seriamente in psichiatria come alternativa agli antidepressivi. In questo modo, le persone non dovranno comprarlo in segreto da uno spacciatore, e saranno in grado di ottenere una guida e un sostegno nel processo".

Melissa con la sua famiglia

Il cambiamento sta arrivando

Un'altra voce, in un coro di molte, che esalta i benefici del microdosaggio. Pensate a tutti i genitori che avrebbero potuto essere aiutati dalla psilocibina se avessero saputo! Le vite avrebbero potuto essere cambiate. Per fortuna, con persone come Melissa che condividono la loro storia, il cambiamento sta arrivando.

E fortunatamente per tuSe vuoi, puoi ordinare i tuoi tartufi magici confezionati con psilocibina da noi oggi stesso!

*I nostri prodotti sono sia per la ricreazione che per la guarigione. Se stai lottando con la tua salute mentale assicurati di essere in contatto con un terapeuta o un operatore sanitario parallelamente all'integrazione della psilocibina nella tua vita.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
it_ITItalian